Crea sito

Comunicato stampa sul registro unioni civili di Senigallia

ComunicatoCOMUNICATO STAMPA

Senigallia, 21 Marzo 2012

Agli organi di stampa, loro sedi

Oggetto: Registro comunale delle Unioni Civili di Senigallia.

Apprendiamo dagli organi di stampa locali, la notizia relativa alla presentazione di un O.d.G. in consiglio comunale, riguardante l’istituzione di un registro per le Unioni Civili a Senigallia.
A tal proposito, i soci del Circolo UAAR (Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti) di Senigallia, sentono il dovere di manifestare tutta la loro soddisfazione per l’iniziativa ed esprimere un sentito apprezzamento per l’operato del Sindaco Maurizio Mangialardi, del Presidente della Giunta Enzo Monachesi, firmatari di tale O.d.G. e di tutti coloro che hanno lavorato affinché un tale progetto arrivasse finalmente in discussione.

Senza entrare nello specifico del test dell’O.d.G. che abbiamo potuto leggere solo nella tarda serata, vogliamo comunque ricordare come sia il Parlamento Europeo ad aver di recente affermato alcune questioni in merito al tema delle Unioni Civili e dei Matrimoni tra omosessuali. Il Rapporto sulla parità di Diritti tra Uomo e Donna, presentato dall’Eurodeputato Sophie in’t Veld e approvato dall’assemblea, ha chiarito che i governi dei Paesi membri non devono dare “definizioni restrittive di famiglia” al fine di negare diritti e tutele agli omosessuali ed ai loro figli. In occasione della presentazione del suddetto rapporto e’ anche passata la richiesta al Consiglio europeo di “riaffermare il principio di uguale trattamento, senza distinzione di religione o credo, disabilità, età o orientamento sessuale”.

La recente sentenza della Corte di Cassazione, rimandando al Parlamento il doveroso compito di legiferare in materia di Unioni Civili ha sottolineato come una coppia di fatto, nell’impossibilità legislativa di contrarre matrimonio in Italia, ha diritto di vivere liberamente la propria condizione con pari diritti rispetto alle coppie etero, evidenziando così la necessità di rispondere alle istanze della minoranza LGBT.

La società civile tutta si chiede a questo punto come possa il nostro paese mancare di una moderna regolamentazione delle Unioni Civili, presente invece nella quasi totalità dei paesi europei.
Lodevole quindi che il comune di Senigallia voglia a suo modo compensare questa mancanza tanto più che in un paese veramente laico i rappresentanti politici dovrebbero essere ispirati dai più alti principi costituzionali.

Referente Delegazione UAAR Senigallia
Paul Manoni

Lascia un commento